Il rosmarino non è solo buono e profumato, ma anche pieno di proprietà magiche: un toccasana per il nostro corpo e la nostra memoria, ma anche per i capelli e la pelle, grazie alle sue virtù cosmetiche.

Le proprietà magiche del rosmarino, infatti, sono note sin dall’antichità: nel Medioevo perfino il suo legno veniva utilizzato come una sorta di talismano per costruire ad esempio pettini magici che avrebbero impedito di perdere i capelli!

l rosmarino è una pianta perenne di tipo arbustivo, con radici profonde e resistenti. I suoi fusti di legno posseggono molti rami e possono raggiungere 50-300 cm di altezza. Le foglie coriacee, lunghe tra i 2 e i 3 cm, sono molto numerose e di colore verde scuro sul fronte superiore e biancastro su quello inferiore, dov’è presente della peluria, ricca di ghiandole che producono olio essenziale.

fiori del rosmarino sono molto piccoli e raccolti in grappoli. Il loro colore è viola-azzurro o lilla o, di rado, bianco, mentre i frutti sono di colore bruno. Esistono diverse specie di rosmarino che si differenziano tra loro per la quantità di olio essenziale prodotto e per il portamento.

Le proprietà del rosmarino sono dovute ai suoi principi attivi e, in particolare, a quelli racchiusi nel suo olio essenziale, al quale si deve anche il caratteristico profumo della pianta. Il rosmarino possiede derivati terpenici e flavonoidi, che lo rendono particolarmente benefico.

L’olio essenziale di rosmarino è costituito inoltre da sostanze come cineolo, linalolo, canfora, alfa e beta pinene, borneolo, canfene, diterpeni, triterpeni, glucosidi.

Proprietà e benefici del rosmarino.

Prima di tutto, il rosmarino esercita sul nostro corpo un’azione fortificante, funzionando come un vero e proprio tonico in caso di affaticamento sia fisico che mentale.

Ha proprietà antispastiche e antidolorifiche, ed è un ottimo antinfiammatorio. Può aiutare a prevenire malattie infettive grazie alla sua azione antibatterica e antisettica. Gli vengono inoltre riconosciute proprietà antiossidanti.

I principi attivi del rosmarino sono particolarmente benefici per tutto l’apparato grastro-intestinale. Si tratta infatti di una pianta nota per le sue proprietà digestive e carminative, che aiutano nell’eliminazione di gas e gonfiore intestinale. Agisce favorevolmente in caso di reflusso, così come se si soffre di inappetenza. Stimola il movimento intestinale, ed è quindi consigliato in caso di stipsi, ma anche per calmare spasmi muscolari. Spesso viene utilizzato anche per combattere i parassiti intestinali.

Il rosmarino ha proprietà benefiche evidenti sul sistema nervoso: calma ansia, stress e forme depressive. Può essere utile in caso di emicrania, sciatica e diverse nevralgie. Aiuta poi a combattere problemi reumatici e muscolari in generale.

Il rosmarino possiede proprietà cosmetiche altrettanto magiche: è un vero e proprio toccasana sia per i capelli che per la nostra pelle! La sua azione purificante e deodorante è sfruttata anche a livello industriale nel settore cosmetico per produrre creme, shampoo, profumi, dentifrici e colluttori… di tutto di più!

Per i capelli risulta essere davvero miracoloso: normalizza infatti la secrezione sebacea, rappresentando un ottimo rimedio per i capelli grassi e per la forfora. Ha inoltre la capacità di stimolare i follicoli dei capelli, combattendo la calvizie.

Come coltivare il rosmarino.

Il rosmarino officinale è una delle piante più facili da coltivare dell’orto: essendo perenne non necessita di essere seminata ogni anno e di conseguenza occupa un posto fisso. Le cure che richiede sono davvero poche. La pianta è sempre verde, ma smette di crescere col caldo eccessivo (estivazione) se coltivata in zone calde oppure durante l’inverno dove il clima è più rigido.

Irrigazioni. Il rosmarino ama i climi aridi e spesso si accontenta dell’umidità dell’aria. Richiede un’irrigazione costante durante il suo primo anno di vita, poi si interviene bagnando solo in periodi di calura e aridità e comunque con molta moderazione. In ogni caso non si deve mai bagnare troppo la pianta, per evitare marciumi radicali.

Concimazione. Non si tratta di un’operazione necessaria, può aiutare una o due volte l’anno un apporto di elementi nutritivi, privilegiando le concimazioni a lenta cessione (non concimi liquidi). L’apporto di azoto e potassio è utile a favorire le fioriture.

Questa pianta officinale è perfetta anche per la coltura sul balcone. Le dimensioni del vaso possono essere variabili in relazione alla dimensione della pianta. Se ne avete la possibilità meglio scegliere un vaso grande, che chiederà meno irrigazione e permetterà al rosmarino un miglior sviluppo. La terra da usare deve essere sciolta e drenante (torba mista a sabbia ad esempio) e un fondo di ghiaia o argilla espansa per garantire lo scolo dell’acqua è sempre una buona precauzione. Si tratta di una pianta da bagnare raramente (ogni 10-15 giorni) e meglio non avere il sottovaso che va a formare ristagni potenzialmente nocivi.

 

 

Lascia un commento